Bottura inaugura “Operazione Parigi”

Da sempre tra Italia e Francia c’è una sorta di rivalità che tentiamo di nascondere chiamando i francesi “cugini”: il terreno di guerra più battuto è sicuramente quello enogastronomico. Quante volte ci siamo paragonati ai nostri vicini sulla qualità dei vini e della loro esportazione all’estero, la continua diatriba circa quale sia il migliore tra Champagne e Spumante, per non parlare dell’eterna discussione sulla bontà dei rispettivi formaggi.
In tutto il mondo, entrambi i Paesi sono indicati come posti in cui vige la regola del ‘mangiar bene’.
Difficilmente capita che i francesi vengano in casa nostra a insegnarci la loro famigerata “nouvelle cuisine” e noi non andiamo mai a disturbarli parlando di cucina mediterranea.
Ma questa volta è un pluripremiato chef italiano, stellato Michelin, che annuncia l'”Operazione Parigi”: Massimo Bottura, titolare dell’Osteria Francescana, vuole, a suo dire, “portare la cultura del cibo italiano nella capitale gastronomica del mondo”. Il cuoco non sarà solo, ma verrà accompagnato da altrettanti illustri colleghi italiani, come Mauro Uliassi, Moreno Cedroni, Gennaro Esposito, Giancarlo Perbellini, Pino Cuttaia, Ciccio Sultano, Niko Romito, Massimiliano Alajmo, Antonino Cannavacciuolo, Carlo Cracco, Davide Scabin, Heinz Beck, Enrico Crippa, Andrea Berton, Chicco Cerea e Norbert Niederkofler. L’evento si terrà presso l’Istituto italiano di cultura a Parigi, sito nello storico Hotel Gallifet di rue de Varenne, dove la direttrice Marina Valensise ha fatto allestire un spazio da cucina ultramoderno, in grado di ospitare fino a dodici allievi, di qualsiasi livello. Le lezioni saranno naturalmente tenute dai nostri chef.

Sebbene possa sembrare una vera novità questa iniziativa di Bottura, c’è da dire, che da ben 14 edizioni ormai, nel sud della Francia, e precisamente nel Principato di Monaco, Ilio Masprone, direttore della nostra testata Il Foglio Italiano, organizza e promuove il Premio Professionalità Italiana, un gala che proprio quest’anno vedrà premiati anche i nostri “Royal Chef” che lavorano in grandi resort all’estero o in case nobiliari. In questa speciale occasione per altro la manifestazione potrà vantare l’aiuto del popolare critico televisivo Edoardo Raspelli e sul superstellato chef Gualtiero Marchesi.

                                                                                                       Marisol BERTERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *