Il film “Volare” vince a Toronto

Il film VOLARE – LA GRANDE STORIA DI DOMENICO MODUGNO, diretto da Riccardo Milani, è risultato vincitore dell’Audience Choice Award dello European Union Film Festival di Toronto. La premiazione è avvenuta mercoledì 27 novembre, con la consegna del riconoscimento da parte del Console della Repubblica Lituana Paul Karus.
Il film era stato accolto con grande entusiasmo la sera della proiezione, sabato 16 novembre. Tutti i posti in prenotazione erano andati rapidamente esauriti, così come gli altri posti disponibili (400). Oltre settanta persone che avevano atteso in coda non sono riuscite ad avere accesso in sala. La proiezione era stata preceduta dall’esecuzione della canzone titolo del film da parte del musicista italo – canadese Carlo Coppola.
Lo European Union Film Festival, che si svolge da nove anni, è il frutto della collaborazione tra consolati e istituti di cultura europei presenti a Toronto ed è volto ad offrire uno spaccato del migliore cinema europeo contemporaneo. L’accesso alle proiezioni è gratuito. Da quest’anno è stata introdotta la possibilità di prenotare il posto dietro il versamento di una donazione di dieci dollari.
Per la promozione del film questo Istituto, oltre a far ricorso ai tradizionali mezzi di comunicazione quali newsletter, inviti, comunicati stampa, ha lanciato una intensa campagna sui social media, creando appositi concorsi aventi per oggetto notizie sul cantautore italiano e mettendo in palio alcuni suoi CD.
Il riconoscimento tributato al film va ascritto alla sceneggiatura firmata da due tra i più affermati autori del cinema italiano – Stefano Rulli e Sandro Petraglia – dal ritmo impresso dalla regia, che pur nasce come sceneggiato televisivo, e dalla eccezionale bravura del protagonista, Giuseppe Fiorello, capace di interpretare Domenico Modugno non solo nella gestualità quanto imitandone alla perfezione la voce. Un film che tocca corde nostalgiche e che narrando la storia del successo di VOLARE racconta di un’Italia proiettata verso il futuro.
                                                                                              Alessandra LUTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *