L’epoca d’oro della pittura a Napoli da Ribera a Giordano

Presso il musée Fabre di Montpellier st aper aprire i battenti, precisamente il 20 giugno, una mostra davvero interessante, intitolata “L’epoca d’oro della Pittura a Napoli, da Ribera a Giordano”
Ambientata nel XVII secolo, l’esposizione vuole ripercorrere i passi di uno dei periodi più fecondi e brillanti della pittura italiana, e precisamente quella napoletana, che proprio in quel periodo si è evoluta, passando così dal Naturalismo al Barocco.
La mostra offrirà ai suoi visitatori ben 84 opere cosiddette maggiori, provenienti da numerosi musei francesi e stranieri, con un contributo eccezionale, naturalmente, di quelli napoletani. Tra i dipinti presenti, spiccano quelli del celeberrimo Jusepe de Ribera, soprannominato “lo Spagnoletto”, e da molti critici dell’arte considerato un genio dell’epoca. Tratti salienti del suo stile pittorico, sono l’esasperata drammatizzazione della luce, la concretezza dei personaggi, la subime raffinatezza dei colori e l’illusionismo prospettico; mentre i temi più ricorrenti sono soggetti sacri o mitologici, scene di vita quotidiana, paesaggi, e nature morte.
Al suo attivo, l’esposizione “L’epoca d’oro della Pittura a Napoli, da Ribera a Giordano” può già annoverare il titolo di “mostra d’interesse nazionale” attribuitole direttamente dal Ministero della Cultura e della Comunicazione francese.
Uno spettacolo davvero imperdibile per gli appassionati del genere, che rimarrà aperto al pubblico fino all’11 di ottobre.
                                                                                                     Marisol BERTERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *