Servizio Civile paladino della Cultura Italiana

Ben 2000 volontari del servizio civile nazionale si faranno paladini della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale Italiano. L’importante progetto è nato proprio oggi, 27 novembre 2014, con la firma di un protocollo di intesa tra Luigi Bobba, Sottosegretario al Ministero del Lavoro dello Stato e il Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini.

Hanno inoltre apposto il loro consenso il Capo Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale, cons. Calogero Mauceri, il dott. Salvatore Pirrone, Direttore Generale della Direzione politiche attive, servizi per il lavoro e formazione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

L’accordo vuole essere il primo passo di un percorso sperimentale volto a progetti in grado di coniugare senso civile e cultura.
Un impegno di forze umane ma anche economiche; si parla, infatti, di 11 milioni di euro: la metà dei ragazzi sarà sovvenzionata grazie al progetto PON IOG (Programma Garanzia Giovani) per il 2014/2015 a favore di giovani disoccupati o inoccupati e che non siano inseriti in percorsi formativi e di istruzione; gli altri mille rientreranno, invece, nel programma MiBACT e si dedicheranno espressamente alla tutela culturale nelle biblioteche, negli archivi ma anche nei musei, focalizzando, inoltre, il loro impegno nella diffusione della cultura nelle nuove generazioni.
                                                                                                                        Silva BOS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *