La Cenerentola di Verdone

Sarà un Natale da favola per tutti gli italiani che si recheranno al cinema nei giorni dal 16, 17, 18 dicembre e potranno vedere nelle sale Microcinema, la Cenerentola, musicata da Gioacchino Rossini firmata e diretta da Carlo Verdone in una versione riadattata da quella del grande Kolossal televisivo andato in onda nel 2012.
Una delle fiabe più antiche e popolari del mondo rivolta ai bambini di tutte le età capace di condensare drammaticità e allegria raggiunge finalmente le sale cinematografiche arricchita da uno straordinario materiale inedito dopo un lungo lavoro di montaggio.
Questa nuova versione della Cenerentola di Verdone, basata sul libretto di Jacopo Ferretti, si rifà alla famosa favola di Charles Perrault, scrittore francese del Seicento. L’intenzione primaria di Verdone è stata quella di adattarla al grande pubblico, anche a coloro che non si sono mai approcciati al mondo della lirica: la versione cinematografica infatti, come ha sottolineato Andrea Andermann, è incentrata sul connubio dramma/gioco, sullo sfondo di un’ambientazione fiabesca. In questo caso l’azione è stata girata nella cosiddetta Villa dei Laghi, nel parco della Mandria, mentre per le scene di ballo è stata scelta l’incantevole Palazzina di caccia di Stupinigi, in provincia di Torino. Il lieto fine dell’opera invece è stata realizzato nella cornice del lussuoso Palazzo Reale, contornato da ori e preziosità. La scelta degli interpreti è stata fatta con l’intenzionalità di fondere l’intensità lirica all’interpretazione scenica, sempre sotto l’attenta regia di Carlo Verdone, capace di conciliare l’aspetto più commovente con quello esplicitamente più umoristico.
“La possibilità di vedere su grande schermo un film così particolare – dichiara il regista – nato in diretta per la televisione ed ora rielaborato appositamente per il cinema, mi dà una grandissima soddisfazione, essendomi impegnato in un’operazione di alto spessore con una regia che ritengo divertita e divertente. Grazie al lavoro sulle maschere dei personaggi, a cui ho dato personalità e anima esaltando sia i toni da commedia che quelli più intimi e favolistici, sono convinto che il film piacerà molto anche a chi ha meno dimestichezza con la lirica, che è all’origine di questo musical”.
Una fiaba per tutti, di grande spessore e immediata semplicità, diretta da uno dei più grandi attori registi, sceneggiatori e doppiatori italiani, figlio dell’arte e del cinema italiano: Carlo Verdone.
                                                                                                   Silvia BERLINGUER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *