A Rio de Janeiro prima mostra su DeMartino

Mare, navi, battaglie: sono questi i protagonisti dei quadri romantici di Eduardo De Martino. Nato a Meta di Sorrento nel 1838, divenne ben presto ufficiale di Marina, esperienza che non solo lo formò come uomo, ma ne determinò poi anche lo stile pittorico. Carriera quella militare, che dovette abbandonare in seguito ad un incidente riportato durante una delle campagne cui prese parte, questa volta nei caraibici mari di Rio della Plata, in favore di quella artistica. De Martino infatti cominciò a seguire la sua vocazione pittorica, utilizzando come soggetti per le sue opere proprio le scene che aveva vissuto per anni in prima linea. Mari appena increspati, quasi statici, che ospitano sul loro manto le battagliere flotte con le vele spiegate e circondate dal fumo dei cannoni. Lo stile è naturalmente quello dell’epoca, il romanticismo, che alla fine dell’Ottocento aveva contaminato tutti i campi artistici, dalla letteratura alla musica, influenzando inevitabilmente la pittura, dove si cercava proprio di suscitare emozioni e sentimenti con rappresentazioni fantastiche all’interno di un’ambientazione storica curata a discrezione dell’artista. Da ricordare tra le opere di De Martino sono sicuramente quelle eseguite alla corte di Pedro del Brasile e a quella della Regina Vittoria d’Inghilterra (come Battaglia di Trafalgar). De Martino morì nel 1912.
In occasione delle celebrazioni dell’anno dell’Italia in America Latina, il Brasile rende omaggio al pittore italiano con un mostra Museu Nacional de Belas Artes a Rio de Janeiro, che vanta 45 sue opere, raccolte presso i più importanti musei del Paese.

                                                                                                     Marisol BERTERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *