Festa della mamma alla Fondazione Torino Musei

Domenica 10 maggio tanti appuntamenti alla Fondazione Torino Musei in occasione della Festa della mamma. Questa ricorrenza diffusa in tutto il mondo cade ogni anno la seconda domenica di maggio e celebra la donna, la maternità e il ruolo che le madri ricoprono nella società. Per l’occasione, tutte le mamme che visiteranno la GAM, Palazzo Madama, il MAO e la Rocca del Borgo Medievale accompagnate dai loro ?gli (senza limite di età) avranno diritto all’ingresso gratuito alle collezioni e ridotto alle mostre Modigliani e la Bohème di Parigi alla GAM e Federico Patellani. Professione fotoreporter a Palazzo Madama. Un invito che la Fondazione Torino Musei rivolge a tutte le mamme, per trascorrere la giornata all’insegna dell’arte con la visita alle collezioni e alle mostre e partecipando alle attività tematiche proposte per l’occasione. Appuntamenti nei musei

Al MAO

Aperto dalle 11.00 alle 19.00 Per tutte le mamme accompagnate dai loro ?gli (senza limiti di età): ingresso gratuito alle collezioni del museo (nuovo allestimento Cina e Asia Meridionale)

A Palazzo Madama

Aperto dalle 10.00 alle 19.00 Per tutte le mamme accompagnate dai loro ?gli (senza limiti di età): ingresso gratuito alle collezioni e alla mostra Leonardo da Vinci. Il Volto ingresso ridotto alla mostra Federico Patellani. Professione fotoreporter

Alla GAM

Aperto dalle 10.00 alle 19.30 Per tutte le mamme accompagnate dai loro ?gli (senza limiti di età): ingresso gratuito alle collezioni e alle mostre Tutttovero la nostra città la nostra arte – Vitrine – Surprise – Wunderkammer ingresso ridotto alla mostra Modigliani e la Bohème di Parigi

Al Borgo Medievale

Rocca aperta dalle 10.00 alle 18.00, Borgo dalle 09.00 alle 20.00 Per tutte le mamme accompagnate dai loro ?gli (senza limiti di età): ingresso gratuito alla Rocca e alla mostra Ritratto di Italia (le visite in Rocca partono ogni 45 minuti per gruppi di max 25 persone)

                                                                                              Silvia BERLINGUER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *