Ritratto di Italia Mostra fotografica di Franco Borrelli

Il Borgo Medievale di Torino, in collaborazione con lo Studio Grafico, presenta dal 29 aprile al 19 luglio la mostra fotografica tratta dal racconto Ritratto di Italia di Barbara Debernardi. L’esposizione è un omaggio al lavoro di contadini e allevatori, allo stile di vita rurale legato all’ambiente, ai ritmi naturali, alle tradizioni contadine. Proprio come il Borgo che, nel 1884, momento in cui fu costruito, aveva tra le sue finalità la salvaguardia delle conoscenze tradizionali legate all’artigianato, che rischiava di soccombere di fronte alla nascente produzione industriale in serie. Il Borgo, inoltre, presenta in alcuni suoi edifici e monumenti importanti richiami alla Valle di Susa, sfondo e protagonista del racconto. Le immagini in mostra, scattate con estremo realismo da Franco Borrelli, raccontano la storia dei protagonisti del racconto di Barbara Debernardi. Troviamo innanzitutto la mucca Italia, personaggio principale, e attorno a lei gli altri animali su cui vegliano barbafisiu, il padrone, e magnamarieta, sua moglie: il cane Sergent, la pecora Genesia, il gallo Bartolomeo, il coniglio Tilio, l’asino Nino. Le immagini sono rese vive nel video di Riccardo Humbert, che cattura l’atmosfera di stalle e alpeggi, di mungitura e raccolta del fieno, dove regnano l’armonia e la sana vita contadina legata ai cicli naturali, alla transumanza e a prodotti dal sapore antico. A completare l’esposizione, in sala mostre alcuni oggetti artigianali legati alla vita quotidiana di montagna realizzati in vari momenti, dalla fine del Settecento agli inizi del Novecento, da artigiani della Valle d’Aosta che lavoravano il legno, la pietra e il ferro e che appartengono alla collezione Jules Brocherel di Palazzo Madama. La collaborazione con la Centrale del latte di Torino permetterà inoltre di scoprire le varie fasi di lavorazione del latte, dalla raccolta all’imbottigliamento e di gustare una sana merenda a base di yogurt. I versi degli animali, il profumo del fieno, la scoperta di erbe aromatiche in un allestimento interattivo: le sensazioni, oltre alla bellezza degli animali, saranno le protagoniste dell’esposizione.
                                                                                                      Silvia BERLINGUER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *