A Londra gli artisti mostrano le opere nelle loro finestre

Un gruppo di artisti londinesi ha iniziato ad esporre i lavori all’interno delle finestre delle loro case, per il piacere dei passanti. Non è un buon momento nemmeno per gli amanti dell’arte. Il secondo blocco ha chiuso ancora una volta le gallerie di Londra, e così i girasoli di Van Gogh esposti al National Gallery di Londra sono appassiti ulteriormente. 

London National Gallery (Ph. Veronica Crocitti)

Artists Walk è un’iniziativa che mira a migliorare questo stato di cose. È una semplice idea per un percorso d’arte iniziato come uno sforzo congiunto tra Rosha Nutt, tipografa e pittrice e la sua amica consulente di marketing artistico Holly Collier.  Coloro che in tempi normali esporrebbero in gallerie o spazi comunitari, possono ora mettere il loro lavoro nelle finestre o nei dintorni delle loro case per permettere ai passanti di poterlo ammirare.  

Nel mese di marzo, poco prima del primo blocco, Nutt e Collier hanno curato una mostra a Londra che ha visto la partecipazione di Jeremy Deller e Ben Wilson e questo successo ha stimolato Nutt e Collier, dando loro la fiducia necessaria per stabilire Artists Walk. 

Jeremy Deller

“Il blocco è stato il catalizzatore”, racconta Collier. “Tanti artisti hanno spostato gli studi nelle loro case. Le mostre e gli eventi sono stati cancellati. È piuttosto deprimente essere un artista e non poter mostrare il proprio lavoro. Volevamo fare qualcosa che avesse un’azione positiva, un modo per connetterci con la comunità locale e che ci impegnasse in qualcosa di divertente da fare.” 

Fino al 14 dicembre, gli artisti londinesi – pittori, fotografi, illustratori, cineasti, ceramisti e altro ancora – possono pagare £15 per avere la loro posizione aggiunta alla “mappa interattiva” sul sito web, così come una breve biografia e link al sito web degli artisti e ai profili dei social media, oltre a un poster personalizzato. 

Collier e Nutt hanno organizzato il tutto in sette settimane. “Sono state notti insonni” dice Collier. Hanno fatto domanda senza successo per una sovvenzione dell’Arts Council, ma sono poi intervenuti i collettivi e le imprese locali. Un agente immobiliare è diventato uno sponsor e ha organizzato un volantino promozionale. Alexandra Palace  – di solito sede di concerti e spettacoli di cabaret – ha prestato il suo sostegno, prestando il suo spazio di “finestra-residenza”.

Alexandra Palace

Collier afferma che c’è stata una risposta entusiasta al programma: 115 artisti iscritti.  “Ho iniziato da zero, telefono in mano, passaparola, intorno alla zona nord di Londra (Artists Walk è stato progettato per Londra, anche se i creativi si sono registrati fino al Galles)”.

Camminando per le strade londinesi, colgo nel dettaglio quotidiano i piaceri estetici delle strade. Le splendide vetrate e gli arcobaleni dipinti dai bambini, i pannelli scolpiti, sculpted panels, degli anni ’30 di Arthur Ayres che lo rendono uno dei miei edifici preferiti nella zona di Crouch End, anche se ora è un ramo della banca Barclays. 

Arrivata a casa della pittrice Sarah Barker Brown, Il marito di Brown apre la porta e attraverso il loro giardino posso vedere l’artista nel suo studio e ammirare le sue grandi opere che mostrano tele ad olio di due nuotatori che indossano berretti da bagno; un ritratto in bianco e nero di una meravigliosa donna africana; un dipinto di una coppia abbracciata. Luce che rimbalza su un paio di gambe flesse dipinte. Un autoritratto.  

Brown ha vinto premi ed esposto nelle gallerie di tutta Londra. Quindi, come si confronta l’esperienza di Artists Walk? 

“E ‘una bella cosa. Di solito, partecipavo ai Crouch End Open Studios” – in cui artisti locali aprono le loro case e i loro studi per esporre e mostrare ai potenziali acquirenti – “ma anche questo è stato annullato quest’anno. Ho vissuto con difficoltà il periodo di lockdown, soprattutto in un primo momento. Pensavo: “Cosa sto facendo?” Quello che mi ha veramente fatto uscire da queste catene è stato l’aver dipinto un ritratto di una mia amica, che è un’infermiera, in completo equipaggiamento protettivo. E questo mi ha ricollegata alla speranza. Ora mi sto divertendo a dipingere per me. C’è un po’ più di spazio e di tempo.” 

Brown mi fa notare che la gente si ferma a guardare, e come per dimostrare il suo punto di vista, una donna e la sua giovane figlia commentano, mentre passano “Sono belle”.  

Poi appare Maureen Harrison,un altro artista coinvolto nel progetto. 

“È una grande idea e offre alle persone un’esperienza diversa durante le loro passeggiate quotidiane” dice Harrison, il cui lavoro si concentra principalmente sul cambiamento dei paesaggi urbani e degli spazi cittadini. “Significa che coloro che sarebbero riluttanti a mettere piede in una galleria possono ancora vedere l’arte contemporanea.” 

Tuttavia, Harrison sta avendo problemi con il bagliore di luce che riflette sulle sue finestre in alto. Uno dei figli di Brown è all’università e l’altro – essendo un adolescente – “fondamentalmente ha le sue tende chiuse tutto il tempo”. Il clima è umido e piovoso. 

Proseguo il tour passando davanti ad altri tre display. Uno è la casa dell’artista Caroline Bettaney  le cui fotografie ad alta gamma dinamica di laghi scozzesi contrastano la luminosa pop art (in seguito apprendo che questa casa viene spesso utilizzata come location cinematografica).  

Il secondo, è il fronte di vetro dello studio di Lisa-Marie Price. Price schiaccia rocce e pietre per fare la vernice per i suoi acquerelli astratti che si concentrano sull’ambiente. Le sue opere sono per lo più a casa, di questi tempi. 

E infine, mentre l’oscurità notturna si avvicina, Kamala Harris e Marcus Rashford mi salutano dalle finestre della casa di Alison Meek. Il ritratto di Harris – anche se parzialmente oscurato da un riflesso di rami di un albero – è particolarmente suggestivo e incoraggiante. 

Old Street Station

La passeggiata degli artisti è un successo? Sì. Sta unendo le persone ma è anche una versione scoraggiante della realtà. È un po’ come rompere con qualcuno – preferiresti non vederlo per un po’. Opere d’arte come queste non sono fatte per questo habitat ma si adattano alle circostanze.   

Non solo quelle vetrate, ma i fiori luminosi che sbocciano dai giardini anteriori fanno da vetrina al negozio Oliver Bonas, una vetrina splendidamente modellata. Un cuore scolpito nel cemento bagnato, e intorno, i dissuasori del traffico colorati.  

Semmai, il vero risultato di Artists Walk è quello di ricordarci di rallentare, guardarci intorno (e su in alto) e apprezzare la bellezza degli edifici e la creatività delle persone che ci sono costantemente intorno. Per fare ciò nessuna mappa interattiva richiesta.  

https://www.artistswalk.org/

Arianna Caracciolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.