29° Festival Milano Musica “CAMINANTES”

S’inaugura con un lungo weekend di concerti il Festival Milano Musica 2020, in programma dal 15 ottobre al 23 novembre, 29° edizione della rassegna di musica contemporanea realizzata in collaborazione con il Teatro alla Scala.  

A guidare la proposta artistica del Festival è il tema della scoperta, raccogliendo una sollecitazione di Luigi Nono, ispirato dal verso “Caminantes, no hay caminos, hay que caminar” (Viandanti, non ci sono vie, c’è da camminare) dalla poesia di Antonio Machado. Con questo spirito Milano Musica riflette sulla necessità e sul desiderio di essere “Caminantes”, aperti all’ascolto, disponibili a scoprire e a percorrere nuove vie.  

Quattordici concerti di musica sinfonica, da camera, elettronica e di teatro musicale portano Milano Musica in nove sedi milanesi, dal Teatro alla Scala a Santeria Toscana 31, con tredici prime esecuzioni assolute e tre prime esecuzioni in Italia, cinque nuove commissioni e due co-commissioni internazionali. 

Claudio Ambrosini, Georges Aperghis, Francesco Filidei, Giacomo Manzoni, Yan Maresz, Marco Momi, Giorgio Netti, Salvatore Sciarrino, Marco Stroppa e Francesca Verunelli sono i compositori protagonisti, invitati a partecipare al Festival anche in occasione dei numerosi incontri che precedono i concerti. 

Per Milano Musica, il confinamento e l’incertezza dalla recente pandemia globale hanno rappresentato l’occasione per affermare con maggiore urgenza la missione statutaria di sostegno alla creazione contemporanea. A marzo l’Associazione ha deciso di confermare gli impegni contrattuali ed economici presi con i propri collaboratori, con gli artisti e con i compositori già coinvolti per il Festival 2020, seppur nell’incertezza di poter realizzare i concerti. Ad aprile l’Associazione si è impegnata a differenziare le azioni attraverso cui rende concreta la propria missione, favorendo la creazione di un tavolo di lavoro permanente che si occupa di progetti didattici costruiti a partire dalla nuova musica. Il primo progetto, Play to express yourself – Musica come strumento di inclusione sociale, è realizzato con il sostegno di Fondazione Comunità Milano e si articola in due annualità (ottobre 2020-maggio 2022) di laboratori e progetti dedicati a carceri e scuole (Primarie e Secondarie di I e II grado) individuate nelle zone periferiche di Milano. I fruitori di tutti i progetti e i laboratori potranno partecipare al Festival con tariffe accessibili e percorsi di introduzione all’ascolto. 

I CONCERTI 2020 

Il Festival Milano Musica si apre giovedì 15 ottobre con una Anteprima aperta alla Chiesa di San Fedele: Francesco d’Orazio esegue La lontananza nostalgica utopica futura. Madrigale per più “caminantes” con Gidon Kremer per violino e otto nastri magnetici. In programma anche Mortuos Plango, Vivos Voco di Jonathan Harvey per suoni concreti elaborati al computer, con Alvise Vidolin alla regia del suono. Il concerto inaugurale è in programma sabato 17 ottobre al Pirelli HangarBicocca: sotto I Sette Palazzi Celesti di Kiefer, ZAUM_percussion, ensemble in residenza a Milano Musica per il triennio 2018/2020, e un trio di pianoforti – con Maria Grazia Bellocchio, Anna D’Errico e Aldo Orvieto – circondano il pubblico con un programma che presenta la prima esecuzione assoluta dei lavori per trio di percussionisti ed elettronica De Rerum Natura di Claudio Ambrosini e Vuoi che nel fuori di Marco Momi, insieme ai brani per tre pianoforti Ostinato n. 6 di Adriano Guarnieri e Tecniche per la misurazione dell’infinito di Ambrosini.  

Domenica 18 ottobre al Teatro alla Scala Mariangela Vacatello è dedicataria e interprete delle Miniatures di Yan Maresz e dello Scherzo II di Georges Aperghis per pianoforte, presentati in prima esecuzione assoluta. In programma anche la prima esecuzione della versione definitiva dei Trois études pour piano di Marco Stroppa, due studi di Claude Debussy e Kreisleriana di Robert Schumann.  

Sempre domenica 18 ottobre, alle ore 11 a Palazzo Reale, il flautista Matteo Cesari e l’Ensemble Suono Giallo sono protagonisti del concerto monografico dedicato a Salvatore Sciarrino, con la prima esecuzione assoluta di Un Tibetano a Parigi (nuovi skyline da respirare) per flauto solo. 

Attesa anche la prima esecuzione in Italia di Flowers#3 (dripping) di Francesca Verunelli, venerdì 6 novembre all’Auditorium San Fedele con il Quatuor Diotima. Il nuovo brano per quartetto d’archi della compositrice italiana, insignita del Siemens Composers’ Prize nel 2020, è frutto di una co-commissione internazionale tra Milano Musica, Wittener Tage für neue Kammermusik, GMEM e Transit New Music Festival, ed è al centro di un programma che include il Quartetto n. 3 di Béla Bartók e Fragmente-Stille, an Diotima di Luigi Nono. 

Il Recital di Mariangela Vacatello al Teatro alla Scala (18 ottobre) e il concerto all’Auditorium San Fedele con la prima esecuzione in Italia di Flowers#3 (dripping) di Francesca Verunelli (6 novembre) sono inseriti nel Palinsesto “I talenti delle donne” promosso dal Comune di Milano nel 2020. 

È al centro del Festival il concerto di Maurizio Pollini, venerdì 30 ottobre al Conservatorio di Milano. Pollini esegue …..sofferte onde serene… di Luigi Nono per pianoforte e nastro magnetico di cui è stato primo interprete, nel 1977 per “Musica del nostro tempo”, e dedicatario insieme alla moglie Marilisa. Completano il programma i Sechs kleine Klavierstücke op. 19 di Schönberg e la Sonata n. 29 Hammerklavier di Beethoven.  

Un cammino enigmatico e visionario viene descritto in Stalker, di Andrej Tarkowskij (regista caro a Nono), proiettato con acusmonium lunedì 9 novembre all’Auditorium San Fedele. 

Lunedì 16 novembre al Teatro alla Scala il nuovo concerto per pianoforte e orchestra di Francesco Filidei è affidato all’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, diretta da Tito Ceccherini, solista Maurizio Baglini. Tre quadri è presentato in prima esecuzione assoluta a Torino (13 novembre), Reggio Emilia (14 novembre) e Milano, ed è stato co-commissionato da Milano Musica, Casa da Música di Porto e International Festival of Contemporary Music “Warsaw Autumn”, dove sarà eseguito nel 2021. Il programma del concerto include anche la prima esecuzione in Italia di In cauda III di Franco Donatoni, Un sourire di Olivier Messiaen e Le chant du rossignol di Igor Stravinskij.  

mdi Ensemble, in residenza a Milano Musica dal 2012 al 2017, torna al Festival per due appuntamenti: lunedì 26 ottobre al Teatro Elfo Puccini interpreta la prima esecuzione assoluta di Il mare azzurro… ritraendosi di Giacomo Manzoni, giovedì 12 novembre in Santeria Toscana 31 affronta, per la prima volta in Italia, l’esecuzione integrale del Ciclo dell’assedio di Giorgio Netti. 

Sabato 21 e domenica 22 novembre, alla Casa degli Artisti, il pianista Ciro Longobardi interpreta e introduce l’intero Catalogue d’oiseaux di Olivier Messiaen in un ciclo di tre concerti. Lunedì 23 novembre al Teatro Elfo Puccini il Festival si chiude con la nuova edizione di Teatro della Voce, workshop a cura di Laura Catrani e Gabriele Manca, in collaborazione con il Conservatorio G. Verdi di Milano. In programma cinque lavori per voci e trio (sassofono, chitarra elettrica e violoncello) in prima esecuzione assoluta dei giovani compositori Simone Cardini, Andrea Mattera, Luca Ricci, Daria Scia e Mateo Servián Sforza. 

Da lunedì 14 settembre sarà possibile acquistare online  

abbonamenti e biglietti per tutti i concerti del Festival  

sul sito www.ticketone.it o prenotare l’abbonamento contattando la Biglietteria del Festival. 

Da venerdì 18 settembre, da lunedì a sabato (ore 12-18), e inoltre domenica 18 ottobre (dalle 12 all’inizio del concerto), sarà possibile acquistare biglietti e abbonamenti presso la Biglietteria del Teatro alla Scala, largo Ghiringhelli, 1. 

CONTATTI BIGLIETTERIA 

+39.02.861147 ore 12-18 

biglietteria@milanomusica.org 

(foto: Maurizio Baglini © Davide Cerati) 

 
Michele Olivieri 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.