“Le Sacre” con Luciana Savignano ai Bagni Misteriosi

Uno spettacolo che è un pezzo di storia, di valore intramontabile. Nato nel 2002 per ripensare proprio lo spazio dell’allora Piscina Caimi, “Le Sacre” è un’opera che ritorna sempre e che dal suo debutto ha visto numerosissime repliche sia in teatro che occasioni di site-specific, coinvolgendo intere generazioni di danzatori.

Giungono da ogni angolo, a piedi nudi e scortati dalle luci rosse, viola e aranciate del tramonto, plotoni di giovani, vigorosi, che danzano una partitura gestuale e sonora (quella originale di Stravinsky) che in un moto circolare avvolge tutto e tutti come in un abbraccio ancestrale.

Al centro di questo rito di giovinezza, la figura di una Madre, Madre Terra che nelle sembianze della grande étoile Luciana Savignano, orchestra l’incedere dei suoi figli, giunti per richiamare dall’ombra e dal gelo la rigogliosa primavera.

Perché invocare il ritorno della primavera è simbolo di rinascita e guarigione, ma anche di sacrificio: “che cosa sei disposto a sacrificare per rinascere?”.

“Le Sacre du printemps” nasce in origine come balletto su musica del compositore russo Igor Stravinskij, scritto tra il 1911 e il 1913 per la compagnia dei “Balletti Russi” di Sergej Diaghilev. La prima coreografia porta la firma del grande danzatore Vaclav Nijinsky, le scene e i costumi di Nikolaj Roerich. Il debutto avviene a Parigi presso il Théâtre des Champs-Élysées il 29 maggio del 1913, e segna una tappa cruciale nella storia del teatro musicale mondiale ispirando in seguito numerose versioni, riscritture ed adattamenti. Il balletto narra di un rito sacrificale pagano nella Russia antica all’inizio della primavera, nel quale un’adolescente veniva scelta per danzare fino alla morte con lo scopo di propiziare la benevolenza degli dei in vista della nuova stagione.

In scena il 15-16 settembre 2020 presso i Bagni Misteriosi (Milano) due serate imperdibili, su creazione ed ideazione di Susanna Beltrami, con Luciana Savignano e la partecipazione di Matteo Bittante e dei giovani danzatori di DanceHaus.

Biglietteria:

via Pier Lombardo, 14

02 59995206 biglietteria@teatrofrancoparenti.it

(foto a cura dell’ufficio stampa del Teatro Franco Parenti)

Michele Olivieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.