SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

“Crescendo in musica”, la rassegna de laVerdi dedicata ai bambini, ai ragazzi e alle famiglie presenta sabato 7 maggio alle ore 16.00, sul palco dell’Auditorium di Milano in largo Mahler, in collaborazione con l’Associazione Espressione Danza, “Sogno di una notte di mezza estate” ispirato all’opera di William Shakespeare, con le splendide musiche di Felix Mendelssohn. Lo spettacolo – un grande classico reso ancora più vivace e coinvolgente grazie ai testi originali di Francesco Montemurro, alla regia di Viviana Palucci e Manola Bettio, nonché alla recitazione di Nicola Olivieri – vedrà la partecipazione dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, per l’occasione diretta dal Maestro Giovanni Marziliano e delle ballerine di “Espressione Danza”, che torna graditissima ospite del Crescendo. Ecco la sintesi dello spettacolo, nel racconto del regista Francesco Montemurro: “Elena ama Demetrio, che però non la ama perché ama Ermia, che però non lo ama perché ama Lisandro… il quale la ama riamato a sua volta… Ecco come si ingarbuglia il nostro tessitore Nick Bottom (l’attore Nicola Olivieri), nel tentativo di svelare la trama e l’ordito del Sogno di una notte di mezza estate. Mentre le note di Mendelssohn soffiano lievi sui giovani danzatori di “Espressione Danza”, a lui tocca l’ardua impresa di condurci per mano tra fate, folletti e innamorati ateniesi. Riuscirà, con la sua testa d’asino, a sbrogliare per noi la matassa del suo sogno? ‘Se l’amore è un sogno, non mi svegliate più!’, concluderà”. Sogno di una notte di mezza estate (A Midsummer Night’s Dream) è stata scritta attorno al 1593-95 in cui mito, fiaba, e quotidianità si intersecano continuamente. L’illusione del teatro, la dimensione del sogno e la follia dello scherzo rappresentano il terreno su cui s’innesta tutta l’idea della creazione, mentre l’effetto “comico” è legato alla compagnia degli attori, per antonomasia figli di un mondo di finzioni, depositari di un legame indissolubile tra il reale e l’irreale. A far da corona con il ballo ci sarà “L’Associazione Culturale Espressione Danza – Danza Teatro & Scuola”, con sede a Milano, nata nel 2001 per iniziativa di alcune insegnanti di danza, provenienti da formazioni diverse. Attualmente riunisce attorno a sé le insegnanti e gli allievi di alcune scuole del territorio lombardo fra cui: Chiara Allasia di Dance &Fit (Milano), Emanuela Grungo di Arcobaleno Danza (Milano), Camilla Meregalli di DAC – Danza Arte e Cultura (Milano), Barbara Palumbo di Arteka (Milano), Chicca Rota di Danzarea (Bergamo), Gloriana Mosca di Danzarte (Solaro), Giulia Zucconi di Ominodanzante (Milano), Cristina Sarasso di Accademia danza città di Vercelli, Daniela Orioli per DdiDanza (Arluno, Milano). Espressione Danza propone la realizzazione di progetti educativi tramite un’attiva collaborazione tra la scuola di base e le scuole di danza associate. Finalità precipua è la diffusione della danza tra gli studenti, attraverso la realizzazione di spettacoli a cui partecipano gli allievi delle scuole di danza affiliate, per favorire: l’avvicinamento dei ragazzi a un linguaggio espressivo non verbale, in cui il corpo e il movimento sono strumento e modalità di comunicazione primaria. L’opportunità di accostarsi alla danza, per un numero sempre maggiore di studenti attraverso l’esperienza, la pratica e la scoperta di una disciplina che porta con sé un messaggio sempre ricco, scritto con il corpo, con il gesto, con l’armonia di movimenti che parlano direttamente all’anima, per rendere il teatro un luogo di comunicazione e scambio volto a rispondere, attraverso il contributo delle scuole partecipanti, alla domanda che muove l’agire di ogni danzatore. Espressione Danza – Danza Teatro e Scuola ha da tempo attivato una collaborazione con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi. Ciò ha permesso agli allievi delle scuole affiliate di esibirsi sul palcoscenico dell’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo interpretando grandi classici, tra cui: “Cenerentola” (2005), “Il Flauto Magico” (2006), “Lo Schiaccianoci” (2007), “Il Piccolo Principe”, “Pierino e il Lupo”, “Animali sulle punte” e “La Bella Addormentata”. Il Progetto Educational, di cui la rassegna Crescendo in Musica fa parte, è patrocinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e sostenuto da Regione Lombardia – Settore Cultura, Intesa San Paolo, con il sostegno di Fondazione Cariplo, di CIDIM, Comitato Nazionale Italiano Musica, e di Donna Kendall Foundation (Corona del Mar, California). Giunto alla quattordicesima edizione, il Progetto Educational intende incentivare l’arte dell’ascolto: arte che è alla base non solo della comprensione del linguaggio musicale ma di qualsiasi processo educativo. Info: tel. 02.83389401/2/3; on line: www.laverdi.org, www.vivaticket.it

                                                                                           Michele OLIVIERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *