LO SCHIACCIANOCI “ACCADEMICO”

Dal 12 al 20 dicembre gli allievi della Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala, interpretano al Piccolo Teatro Strehler di Milano, la fiaba natalizia per eccellenza: “Lo Schiaccianoci”, su musiche di Petr Il’ic Cajkovskij, nell’allestimento del Teatro alla Scala, per il quale Frédéric Olivieri nel 2011 ha ideato una nuova coreografia ispirandosi a quella originale di Lev Ivanov. Sul palcoscenico, si alterneranno oltre 150 allievi della Scuola di Ballo. Tratto da una versione edulcorata di Alexandre Dumas dal racconto di Hoffmann “Schiaccianoci e il re dei topi”, il balletto venne rappresentato nel 1892 al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo. Lev Ivanov, chiamato a sostituire Marius Petipa caduto in malattia, realizzò la coreografia per i Teatri Imperiali Russi infondendovi un’atmosfera fiabesca e onirica, ben distante dalle note oscure del testo di Hoffmann. Innumerevoli le diverse versioni del balletto, nel ’900 come ai giorni nostri: ricordiamo quelle di Vasily Vainonen, George Balanchine, Rudolf Nureyev, John Cranko, John Neumeier, Roland Petit, Mikhail Baryshnikov, Matthew Bourne, Maurice Béjart, Nacho Duato e Alexei Ratmansky. Con “Lo Schiaccianoci”, l’Accademia rinnova la proficua collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano. In questa stagione gli allievi si esibiranno allo Strehler anche dal 17 al 20 marzo 2016 in occasione dello spettacolo istituzionale. Tra gli impegni del 2015/16 val la pena ricordare il 12 aprile, al Teatro Fraschini di Pavia, “Cenerentola” già andato in scena con grande successo per la coreografia di Frédéric Olivieri e le scene di Angelo Sala: una produzione di grande freschezza, a cui hanno dato il proprio contributo diversi corsi dell’Accademia: dai sarti ai truccatori ai fotografi di scena. Poi lo spettacolo di fine anno il 5 e il 12 giugno presso il Teatro alla Scala, con l’orchestra dell’Accademia diretta da sir David Coleman. L’Accademia Teatro alla Scala, fondazione privata dal 2001, è considerata fra i più autorevoli enti di formazione in Europa per lo spettacolo dal vivo. L’offerta formativa si articola in quattro dipartimenti – Musica, Danza, Palcoscenico-Laboratori, Management – per una trentina di corsi, frequentati da oltre mille allievi, provenienti da ogni parte del mondo. Cardine del Dipartimento Danza, diretto dal 2003 da Frédéric Olivieri, è la Scuola di Ballo, fondata nel 1813 e guidata nel corso della sua storia da prestigiosi maestri e celebri ballerine. Fra gli allievi illustri, Liliana Cosi, Oriella Dorella, Roberto Fascilla, Carla Fracci, Luciana Savignano, Roberto Bolle, Massimo Murru, Marta Romagna, Gabriele Corrado, Alessio Carbone, Nicoletta Manni, e, fra le giovani promesse, Jacopo Tissi, Angelo Greco e Virna Toppi. Dal 2006 ne è direttore lo stesso Olivieri. Articolata in otto anni di corso, consente di ottenere un diploma dalla duplice specializzazione in danza classico-accademica e danza moderno-contemporanea. Nel corso dell’attività di formazione, gli allievi partecipano ai più importanti titoli della stagione scaligera e si esibiscono su importanti palcoscenici, in Italia e all’estero avendo inoltre, la possibilità di interpretare le più note coreografie dei maestri del Novecento e di oggi, come George Balanchine (Serenade, Theme and Variations, Who cares?), Maurice Béjart (Gaîté parisienne suite, La luna), Mats Ek (La Bella Addormentata), William Forsythe (The Vertiginous Thrill of Exactitude), Jirí Kylián (Symphony in D, Evening Songs), José Limón (The Unsung), Roland Petit (Gymnopédie), Angelin Preljocaj (Larmes blanches). Oltre ad essere “vivaio” privilegiato per il Corpo di Ballo scaligero, la Scuola forma ballerini di altissimo livello professionale, in grado di inserirsi nelle più apprezzate compagnie, in Italia e all’estero. Al percorso per ballerini professionisti si affiancano un corso biennale per insegnanti di danza, che consente a coloro che già insegnano danza di approfondire il programma e la metodologia dei primi tre anni della Scuola, e un corso quinquennale di propedeutica alla danza, riservato ai bambini dai 6 ai 10 anni con l’obiettivo di avvicinarli al mondo della danza e della musica facendo loro vivere un’esperienza di carattere ludico-espressivo attraverso l’attività ritmica e motoria.Informazioni e prenotazioni per lo Schiaccianoci: 848.800.304 / www.piccoloteatro.org – www.accademialascala.it
                                                                                               Michele OLIVIERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.