Montevideo: Alice Pasquini in mostra

L’Espacio de Arte Contemporàneo di Montevideo, in Uruguay, ospiterà dal 3 novembre la mostra dell’artista italiana Alice Pasquini, nell’ambito delle celebrazioni dell’anno italiano in America Latina.
Ecco dunque l’ennesima conferma di quanto l’arte nostrana, e non solo quella più celebre del Rinascimento o dell’Illuminismo, venga riconosciuta all’estero, e in questa particolare circostanza attraverso le opere contemporanee di una giovane disegnatrice poliedrica come la Paqsuini.
Alice, ragazza romana, è una cosiddetta visual artist, che ha lavorato come illustratrice, set designer, pittrice. Laureata all’Accademia di Belle Arti di Roma, ha però girato tutto il mondo, vivendo in Gran Bretagna, Francia e Spagna.
Durante la sua carriera artistica, la Pasquini ha scoperto che le sue “tele” preferite sono quelle che ricava in città, e cioè i muri: così ha portato, permanentemente e indelebilmente, un po’ della sua arte sulle pareti di Sydney, New York, Barcellona, Oslo, Mosca, Parigi, Copenhagen, Marrakech, Berlino, Saigon, Londra, e Roma. Tema principe delle sue opere è la relazione tra le persone, data dalle emozioni che si provano ogniqualvolta due o più persone hanno una connessione tra loro. Molti suoi murales hanno come soggetto donne, indipendenti e forti, a differenza dello stereotipo comune che le vede fragili e bisognose del supporto maschile.
Nel 2013 Alice ha realizzato un ciclo di disegni per il Museo Capitolino di Roma, e negli anni, oltre ad aver collezionato esposizioni nei musei di arte contemporanea più prestigiosi (tra i quali citiamo il MACRO di Roma, l’Espace Pierre Cardin di Parigi, la Colab Gallery, Weil am Rhein) ha completato progetti per importanti aziende come Nike, Canon, Range Rover, Toyota e Microsoft.
Un’esposizione davvero imperdibile dunque, quella di Montevideo, che si terrà dal 3 al 12 novembre.
Per maggiori informazioni:
http://www.alicepasquini.com/
http://www.eac.gub.uy/
                                                                                         Marisol BERTERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.