Manuele Fior in mostra a Parigi

Oggi come non mai ritroviamo d’attualità l’argomento della cosiddetta “fuga di cervelli”: ragazzi e ragazze italiani e brillanti, che non trovando sbocchi lavorativi nel nostro Paese, si armano di coraggio e provano l’avventura all’estero. E molti hanno successo. E’ il caso di Manuele Fior, nato a Cesena nel 1975, e residente a Parigi. Manuele, architetto laureato a Venezia nel 2000, si è subito trasferito a Berlino, dove ha lavorato per cinque anni come illustratore, fumettista e, appunto, architetto. Dalla collaborazione con l’editore tedesco Avant-Verlag, cominciata nel 2001, sulla rivista Plaque, Fior ha inaugurato una fitta produzione di storie corte a fumetti, scritte dal fratello Daniele, e apparse su numerose testate locali.
Attualmente collabora, attraverso le sue illustrazioni, con tra gli altri: The New Yorker, Le Monde, Vanity Fair, La Repubblica, Sole 24 Ore, Rolling Stone Magazine; e ha al suo attivo la pubblicazione di ben nove graphic novels.
A coronamento del suo successo internazionale, dal 17 settembre, presenterà alla Galerie Martel di Parigi la sua prima esposizione: “Les Variations d’Orsay”. Al centro della mostra c’è la sua nuova pubblicazione, intitolata allo stesso modo, che ha come soggetto l’impressionismo, e naturalmente i suoi protagonisti: Pissaro, Renoir, Monet, Berthe Morisot, ma soprattutto Edgar Degas.
L’obiettivo che da sempre Manuele, lavoratore solitario ed estroso, si è prefissato è quello di ipnotizzare il lettore, invogliandolo a fermarsi, aprire il libro e lasciarsi raccontare una storia, prendendo l’insegnamento niente di meno che da “Le mille e una notte”.
L’appuntamento è dunque presso la Galerie Martel, per tutti gli appassionati di fumetti, dal 17 settembre al 7 novembre 2015.
Per maggiori informazioni:
http://www.galeriemartel.com/
http://www.manuelefior.com/

                                                                                         Marisol BERTERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.