BELLES DE SOMMEIL

“Belles de Sommeil” prende spunto dalle letture degli scritti originali dei racconti de “La bella addormentata” e dalle metafore, allegorie, poemi, studi e analisi che hanno indagato il sonno e il risveglio, il giorno e la notte, la vita e la morte. Attraverso la danza, la musica, la parola, la scenografia, le proiezioni video, lo spettacolo la creazione mette in scena i sogni, le allucinazioni, i pensieri e i desideri non solo di una principessa, ma di tutti gli esseri che sprofondano per un lungo periodo in uno stato di sonnolenza e isolamento. Condizione che appartiene a noi tutti, tutte le notti, pur non percependo la ricchezza spirituale e la bellezza assoluta che questi “distacchi” rivelano: il sonno, questo spazio/tempo tra la vita e la morte, in cui tutti i saperi e le emozioni sono protetti. Di recente formazione, la “Compagnia Opus Ballet” sin dall’inizio collabora con alcuni dei più importanti coreografi italiani e internazionali. Philippe Talard, attore, coreografo e regista francese, ha lavorato con Rudolf Nureyev, Carla Fracci e Mikhail Barychnikov. In Germania ha collaborato con Susanne Linke, Rheinhild Hoffman, Pina Bausch e con la compagnia Tanza Forum Köln di Jochen Ulrich con opere create appositamente per lui. Nel 2000 ha creato il Festival internazionale “Danse du Monde”. Oggi continua a presentare le sue creazioni in tutto il mondo e, contemporaneamente, porta il teatro in luoghi non convenzionali. I suoi progetti coinvolgono le carceri di Lussemburgo, Marsiglia, Roma, Berlino, Ostrava, Firenze. Lo spettacolo andrà in scena giovedì 28 maggio alle ore 21 presso il Teatro Storchi di Modena. Compagnia Opus Ballet, direzione artistica Rosanna Brocanello, regia e coreografia di Philippe Talard, musiche originali di Armand Amar, Laura Bandelloni attrice, coproduzione Compagnia Opus Ballet, Grand Théâtre de la Ville de Luxembourg. Info: Informazioni e biglietti online: www.teatrocomunalemodena.it
                                                                                                         Michele OLIVIERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *