Monica Silva interpreta Caravaggio

Caravggio è da sempre uno degli artisti italiani più conosciuti e apprezzati all’estero. Le sue opere sono sparse nelle più importanti pinacoteche internazionali, e molti artisti da sempre cercano di carpirne i tratti salienti, al fine di imparare le tecniche del grande maestro.
In occasione delle manifestazioni per celebrare l’anno dell’Italia in Sud America ecco che apre i battenti una mostra incentrata proprio su Michelangelo Merisi. Infatti, la fotografa brasiliana Monica Silva, italiana di adozione giacché sono anni che vive e lavora a Milano, offrirà al pubblico alcuni suoi scatti tratti dall’ultimo lavoro “Lux et Filum”, nel quale si domanda come sarebbero stati dipinti al giorno d’oggi i quadri da un Caravaggio del Ventunesimo Secolo.
Silva, non è solo una ritrattista, ma le sue opere sono state pubblicate dai principali giornali e dalle più importanti riviste internazionali: Vanity Fair, El Paìs, Io Donna, Style, Flair, Dove Viaggi, Myself; collabora come reporter con il Corriere della Sera; è anche testimonial di grandi marchi come Manfrotto, PhaseOne, Profoto, Nikon, Hasselblad; e infine gestisce corsi di psicologia nei ritratti.
In “Lux Et Filum” Monica prova a perlustrare le orme del passato per raccontare il presente: l’artista si immagina quindi un Michelangelo Merisi del Duemila, che ispirato dallo stesso fervore artistico che lo ha contraddistinto nel Cinquecento, deve fare i conti con la poco poetica modernità. Ed ecco scatti davvero interessanti: dal Bacco, Tabacco e Venere impersonato da un ragazzo di colore, champagne e un manichino da negozio di vestiti, al Sacro Pasto con la rappresentazione di tutte le religioni principali.
Un evento davvero imperdibile per gli appassionati di fotografia, ma anche per coloro che sono incuriositi dalle opere di Caravaggio rivisitate in chiave moderna.
La mostra, sita all’Istituto Italiano di Cultura di San Paolo, resterà aperta fino al 17 aprile.
                                                                                                  Marisol BERTERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *