ALBUM-TOI, MON MIROIR

Nel quotidiano sociale un’evidente estraneità fisica e psicologica separa nello spazio i corpi che sono alla ricerca incessante di percorsi e traiettorie sempre nuovi e diversi. Il perimetro di azione si riduce poco a poco limitando il gesto fino a creare un incontro involontario ma inevitabile con l’Altro. Le distanze si accorciano, così come le identità si mescolano, rendendo difficile distinguere quello che prima appariva così chiaro. Emerge un nuovo organismo, che si dilata e si contrae, respira e vive grazie alla fusione di due identità o a due parti della stessa. All’enormità dello spazio visibile si oppone un movimento intimista scandito ciclicamente dal ritmo del corpo. Lo specchio (miroir) è luogo di confronto dove il Dentro e il Fuori perdono di significato e tutto sembra possibile. Troviamo l’Altro e improvvisamente è parte di noi, uno dei tanti specchi. “Album – Toi, mon miroir” è una performance pluridisciplinare in cui danza, musica, video e arte digitale si fondono per interpretare insieme i temi del doppio, dell’alterità e del rapporto tra la nostra immagine fedele e reale e quella costruita o virtuale. In scena apparirà una donna colta in un intimo dialogo con se stessa allo specchio mentre attua un processo di presa di coscienza e di lotta con le parti sconosciute di sé che ha sempre evitato o addirittura negato. Fino a che punto è possibile attraversare e superare lo specchio in cui si è riflessi? PianoBe Artistic Research presenta la performance di danza e arte digitale con la regia e coreografia di Sara Lupoli, interfaccia digitale Carmine Spizuoco (CtrlaltLab), musiche originali di Vito Pizzo, danzatrici: Elena Cocci e Marianna Moccia. Con la collaborazione di Città della Scienza – “Teatro Galilei” Korper, Napoli. Con il sostegno di Klap, Maison Pour la Danse, Marseille ESDC “Rossella Hightower” (Cannes) ENSDM (Marseille), Ciam (Marseille), Art Garage (Napoli). Sabato 14 Marzo presso il Teatro Galilei, Città della Scienza, Napoli. Ingresso gratuito.
                                                                                                 Michele OLIVIERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *