ASSASSINIO SUL NILO

Dopo il successo di Trappola per Topi e La Tela del Ragno, applauditi al Carcano nelle scorse stagioni, la compagnia Attori & Tecnici incontra per la terza volta la regina del giallo Agatha Christie mettendo in scena uno dei suoi titoli più famosi, “Assassinio sul Nilo” (dal 12 febbraio al 1° marzo a Milano presso il Teatro Carcano). Il testo, datato 1946, è l’adattamento teatrale del romanzo Death on the Nile (Poirot sul Nilo) scritto nel 1937. Curiosamente, la Christie decise di eliminare Poirot dal copione ritenendo che, una volta trasferito dalla pagina al palcoscenico, il personaggio non avrebbe funzionato. In occasione del debutto al Dundee Repertory Theatre, alla pièce venne dato il nuovo titolo di Hidden Horizons, che cambiò ancora – questa volta in Murder on the Nile – quando approdò prima a Londra e successivamente a Broadway nel 1946. Di enorme successo la versione cinematografica del 1978 diretta da John Guillermin, protagonisti Peter Ustinov, Angela Lansbury, Bette Davis e Mia Farrow. Il destino ha riunito un eterogeneo gruppo di viaggiatori su un lussuoso battello da crociera in navigazione sul Nilo. Tra essi spicca un’affascinante e ricchissima dama, abituata ad essere sempre al centro dell’attenzione. Attorno a lei gravitano un fidanzato respinto e diversi accaniti ammiratori. Ciascuno dei personaggi ha però un suo segreto da custodire, accuratamente nascosto sotto un’inappuntabile facciata di rispettabilità e perbenismo. L’ozio dei turisti a bordo è destinato a durare poco: nel giro di poche ore, infatti, si consumano ben due delitti e la tranquilla crociera si trasforma in una disperata caccia a un assassino diabolicamente astuto. Gelosia, avidità, passione, vendetta raccontate a ritmo serrato sul filo di una tensione continua, e infine l’epilogo, davvero inaspettato, regalano a tutti gli appassionati del giallo uno spettacolo ricco di suspense e a tutti gli amanti del teatro una commedia noir ironica e raffinata con un’Agatha Christie al meglio di sé.

                                                                                                       Michele OLIVIERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *