Dialogo: La carta come Memoria

Nel giorno della memoria, nella Capitale è stata organizzata una mostra dedicata alla Shoah, grazie agli scritti, le opere, i luoghi, le riflessioni e i pensieri che ogni autore ha voluto esprimere attraverso l’arte e la propria sensibilità sulla base di un’esperienza vissuta personalmente o anche di una testimonianza indiretta. 
Sono esperienze per lo più individuali, confinate e scaturite da una memoria emotiva che non riesce a spezzare quel filo di continuità con la Storia, di quel dolore e quel vissuto che seppure ormai lontano emerge come sintomo di un malessere collettivo. La mostra organizzata proprio nella settimana della memoria è promossa dall’Assessorato alla Cultura, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura ed è curata da Bianca Cimiotta Lami e Dario Evola.
Le opere proposte da Riccardo Ajossa, Elisabetta Diamanti, Toni Garbasso, Ugo Ferrero, Alfonso Filieri, Roberto Mannino, Paolo Modugno, Claudia Peill, Lydia Predominato, Peter Quell e Serge Uberti, vogliono lasciare un segno sulla carta ” come segno e come insegna”; è la grana della carta che si intreccia nello stesso modo in cui si crea la tramatura della memoria. “Scripta manent” perché in questa manifestazione è la carta che lascia l’impronta indelebile su uno dei fatti storici più sconvolgenti e atroci che l’umanità abbia mai vissuto: la carta quindi come materia significante, come superficie e piano di estensione che imprime e si impregna di emozioni, luogo comune per immagini condivisibili con tutti. La carta, simbolo di un’atrocità che non si deve dimenticare…
Per informazioni www.casadellamemoria.culturaroma.it
                                                                                                         Silvia BERLINGUER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *