Luci sul ‘900

In occasione del centenario dalla sua fondazione, la Galleria d’arte modera di Palazzo Pitti a Firenze, espone le sue collezioni del ‘900. ” Un secolo di fervore innovativo, di strappi culturali (e non solo), di tragedie e di ricostruzioni, un secolo che nelle arti ha indirizzato una contemporaneità, la nostra del XIX secolo, profondamente modellata da quelle esperienze ereditate” ha dichiarato Cristina Acidini. Non è una semplice mostra ma un percorso museale di capolavori, per lo più inediti che raccontano con un taglio prevalentemente storicistico i tempi e le modalità di acquisizione delle opere in Galleria, mettendo in risalto l’atmosfera culturale della Firenze di quegli anni. Le opere selezionate nella mostra sono state scelte tra quelle dei principali interpreti della cultura figurativa italiana del ‘900 tra le quali possiamo menzionarne alcune di Felice Carena, Felice Casorati, Giorgio De Chirico, Filippo De Pisis, che si alternano a quelle degli esponenti del gruppo del Novecento toscano di Baccio Maria Bacci, Giovanni Colacicchi e degli altri sodali vicini al clima delle “Giubbe Rosse” che contribuirono a fare di Firenze un centro di incontro per intellettuali e artisti italiani. La mostra curata da Simonella Condemi e Ettore Spalletti, è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con la Direzione regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Toscana. Nella mostra sono presenti anche le opere acquistate alle differenti edizioni delle Biennali veneziane tra il 1925 3 il 1945, alla Quadriennale Romana del 1935 e altre più numerose acquistate presso la Società di Belle Arti di Firenze ma in particolar modo alle Sindacali Toscane, rivolte alla cultura figurativa regionale. 
L’esposizione è aperta al pubblico fino all’8 marzo 2015. Per informazioni www.unannodarte.it
                                                                                                                  Silvia BERLINGUER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *