Ilio Masprone ricorda l’inizio della carriera di Andrea Bocelli, con il piccolo Matteo sul passeggino: era il 1995 allo Sporting Club di Monte-Carlo e c’era anche Gerardina Trovato

Redazione

MONTE-CARLO. Cercando tra le tantissime fotografie in archivio, riscopriamo questa che pubblichiamo per amore della storia musicale e personale di un grande artista italiano: Andrea Bocelli. Era il 1995 quando il giovane Ilio Masprone (in veste di Direttore Artistico dell’evento del COMITES di Monaco) portò a cena nel noto Ristorante musicale Da Erio, a Vallecrosia (era ancora vivo il caro amico Erio), un giovane tenore, Andrea Bocelli (ancora con la folta barba), la sera prima del debutto di quello che fu il suo 1° Concerto all’estero: addirittura al famosissimo Sporting Club del Principato di Monaco.

 

E’ stata una serata memorabile, aperta oltretutto dalla brava cantante siciliana Gerardina Trovato: i due giovani artisti italiani (intervenuti grazie all’interessamento dell’amica Caterina Caselli), ebbero un grande successo e il pubblico presente (960 persone) ebbe modo di conoscere questi due bravissimi artisti alle loro prime armi. Andrea Bocelli era accompagnato al pianoforte dal suo maestro di sempre, Carlo Bernini che lo seguì in un repertorio lirico piuttosto impegnativo, ma di grande effetto che emozionò l’intera platea.

 

Da quella data il tenore intraprese una carriera mondiale, sfolgorante, quanto significativa e Masprone da allora è sempre stato davvero molto onorato di aver proposto all’organizzatore della manifestazione, dedicata agli Italiani di Monaco, anche Amedeo Turello (nella foto con la moglie), il cantante toscano, tutt’ora il più famoso italiano al mondo.

 

In quel periodo Matteo a Monte-Carlo era ancora sul passeggino e Masprone lo ricorda molto bene; la strada che ha intrapreso adesso Matteo è sicuramente la più centrata ed è tutta nelle sue corde: “vai sempre avanti così Matteo, magari un giorno rifacciamo con te un concerto ancora a Monte Carlo” (Nella foto, Andrea Bocelli tra Ilio Masprone e Renata Rivella).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *